Otranto

Otranto, la città fortificata deve il suo nome ad Hydruntum, che indica un piccolo fiume che attraversa la valle d’Idro. Altre scuole di pensiero indicano in Odronto, un altura che sorgeva vicino alla zona del porto come ispiratrice del nome della Città.

Otranto, che abitualmente è un comune di 5600 abitanti circa, d’estate si riempie di turisti per la bellezza dei posti e per il suo mare unico.

Otranto è una città fortificata ed il suo centro storico di è protetto dalle possenti mura angioine. E’un labirinto di viuzze in pietra viva su cui si affacciano le case bianche addossate l’una all’altra. È un piacere districarsi fra le mille piccole vie, scoprire scenari nascosti e godere dell’ospitalità della gente otrantina. Ogni angolo poi presenta la sua meraviglia: una chiesa, una vista sul mare, un dettaglio da scovare.

Da vedere è sicuramente il Castello Aragonese, antica fortezza militare progettato da Ciro Ciri e fatto costruire tra il 1485 e il 1498 da Fernando I D’Aragona, sulla base di costruzioni militari già presenti ed opera di svevi prima e turchi poi.

La Cattedrale di Santa Maria Annunziata, altra fantastica opera dall’immenso valore artistico e storico, risalente al XI secolo: la chiesa conserva infatti i resti del massacro degli 800 fedeli che durante l’invasione dei turchi nel 1480 tentarono la resistenza non volendo rinnegare la propria fede. All’interno della Cattedrale si trovano la Cappella dei Martiri dedicata agli 800 martiri che non vollero piegarsi ai Turchi nel 1480. Altro tesoro  custodito nella chiesa è il mosaico pavimentale, vero e proprio capolavoro che raffigura l’Albero della Vita, e ritenuto da molti esperti un’enciclopedia del cristianesimo. Esso infatti raffigura molti episodi dell’Antico Testamento e molti riferimenti pagani e numerose tracce del simbolico ruolo storico che Otranto ha svolto di ponte fra Occidente ed Oriente.

La Chiesetta di San Pietro, famosa per la ricchezza degli affreschi in essa custoditi e che deve il suo nome all’antica credenza che San Pietro passò proprio da qui durante il suo cammino dalla Palestina verso Roma. 

Ma Otranto non è solo arte e storia. Una delle principali attrattive della città dei martiri è infatti l’impareggiabile mare e gli splendidi scenari naturali; siti balneari contraddistinti da una natura fantastica e da ambientazioni da favola: la Baia dei Turchi e i Laghi Alimini.

Altri luoghi da visitare Torre Sant’Andrea e Torre dell’Orso, dove la costa assume la caratteristica forma di enormi insenature che, tramite l’azione incessabile del vento,si presentano come ampie baie di rocce levigate, addolcite, scolpite.

Categorie
  • AFFITTACAMERE
  • CODICE IDENTIFICATIVO STRUTTURA (CIS): LE07505742000021355

Tenutaturchi.it di Stomaci Nadia | P.IVA: 05068450757 | Rea: 339645

All righs are reserved

Designed by Scacciapensieri web

× Whatsapp